Luis Suarez, ci risiamo. L'uruguaiano, in questa stagione ancora a secco in Champions, si è reso di nuovo protagonista per un brutto gesto in campo: durante la sfida del suo Atletico Madrid contro il Chelsea vinta poi dagli inglesi 1-0 grazie ad una prodezza di Giroud, l'uruguaiano ha perso la pazienza con Antonio Rüdiger. Al 79' i due hanno ingaggiato una lite, con l'ex Roma che affrontava Suarez a muso duro. Se sul momento non è parso chiaro il motivo della reazione furente del difensore dei Blues, il replay ha svelato il mistero.

Suarez, dai morsi al pizzicotto a Rüdiger 

 

Dalle immagini sembrerebbe che l'ex Barcellona rifili un vero e proprio pizzicotto alla coscia di Rüdiger. Il gesto avrebbe scatenato le risate del primo e la furia del secondo, che lo ha affrontato faccia a faccia, prima che l'arbitro intervenisse per separarli. "Quando sgridi i tuoi figli e loro passano dal mordere al dare pizzicotti, vuol dire che stai andando bene", ha scherzato l'ex centrocampista del Chelsea Joe Cole, oggi commentatore per la tv inglese.

Tutti i morsi di Suarez: e l'Uefa?

Suarez non è nuovo ai brutti gesti in campo: tanto famosi quanto antisportivi i morsi che ha rifilato negli anni ai suoi avversari. Nel 2010 l'uruguaiano viene squalificato per sette turni dopo aver morso alla spalla l'allora centrocampista del Psv Otman Bakkal. Tre anni dopo, la squalifica sale a 10 partite dopo il morso rifilato al braccio Branislav Ivanovic, ai tempi difensore del Chelsea. Non pago, al Mondiale del 2014 Suarez addenta Giorgio Chiellini: la sospensione è di 4 mesi totali (incluse le gare di club) e 9 giornate di squalifica con la maglia della Nazionale. Sebbene il pizzico non possa essere classificato come un vero e proprio atto di condotta violenta, resta ancora da vedere se l'Uefa deciderà di sanzionarlo.