ROMA - Idee, serietà e testa sulle spalle. Il nuovo general manager della Roma Tiago Pinto ha convintoo i tifosi nella conferenza stampa di presentazione. Dopo aver trascorso i 21 giorni in isolamento, il nuovo dirigente del club giallorosso arrivato dal Benfica ieri ha potuto finalmente incontrare squadra e staff a Trigoria, assistendo anche all'allenamento di preparazione al derby di venerdì. Oggi le sue prime dichiarazioni in giallorosso che hanno lasciato i tifosi soddisfatti: "Mi è piaciuta la sua presentazione - ha dichiarato una romanista sui social -. È apparso molto sicuro ma senza fare elogi alla sua persona o esaltare tutto ciò che ha fatto al Benfica. Ha sempre parlato del gruppo Roma, del lavoro che andrà fatto con il resto dello staff". 

Tiago Pinto ha convinto i tifosi soprattutto sul tema più spinoso, quello legato ai trofei: "È stato bravo a non esaltarsi e a non fare promesse sulle vittorie. Pallotta aveva promesso un trofeo entro cinque anni e alla fine se ne è andato senza vincere neanche la Coppa Italia, Pinto invece è stato bravo a non cascare in quella che sarebbe stata una vera e propria trappola. Non si può dare una data sulla vittoria di un trofeo, sono pienamenta d'accordo", l'opinione data da un romanista in radio.

 

E ancora: "Giusto pensare a obiettivi nel medio-lungo termine, pur concentrandosi anche sul presente. Spero che abbia la forza giusta per imporsi e seguire sempre le sue idee. Ma sono convinto che quella dei Friedkin sarà una gestione completamente diversa da quella precedente e che tutte le mosse saranno studiate da chi è a Trigoria e da chi vuole il bene della Roma".