MILANO - "Al momento il rinnovo con l'Inter non è possibile": parola di Roberto Sistici, procuratore di Milan Skriniar, ai microfoni di Telenord: "La decisione di mettere Skriniar sul mercato è stata presa dall'Inter, e non dal giocatore, la scorsa estate. La scelta ha portato una trattativa con il Psg della quale siamo stati informati, a un certo punto la trattativa si è interrotta ed eravamo stati informati anche di questo passaggio, una decisione che non spettava a noi e che il giocatore ha serenamente accettato, con professionalità e rispetto del contratto. Nello scorso autunno abbiamo risposto a tutte le richieste di incontro della Società: dopo una serie di incintri abbiamo presentato la nostra richiesta economica e a inizio novembre la Società ci ha presentato una proposta che, un mese dopo, non abbiamo accettato. La scelta è stata ribadita a inizio gennaio, prima della finale di Supercoppa e ho informato Marotta e Ausilio che ci ritenevamo liberi di ascoltare offerte di altri club. E' il modo più corretto di procedere, serietà e trasparenza per noi sono il miglior modo di procedere. E non abbiamo mai saltato un appuntamento con l'Inter"

Non c'è solo il Psg

 

"Non siamo stati noi a parlare del Psg, come non siamo stati noi a far trapelare le posizioni nostre e dell’Inter, visto che, con l’Inter, avevamo stabilito di gestire la cosa con la giusta riservatezza. E ci sono contatti con altri club, non italiani. Al momento - ribadisce Sistici - non c'è possibilità di rinnovo. Chi conosce Skriniar conosce anche la sua professionalità: onorerà sempre la maglia del club dando il massimo, come sempre", ha concluso.