Con il Mondiale in pieno svolgimento prosegue fatalmente anche il conto alla rovescia verso la ripresa del campionato, fissata per il 4 gennaio. Quarantotto ore prima prenderà invece il via la sessione invernale di calciomercato, che diventerà l’argomento dominante delle cronache calcistiche per tutto il primo mese del 2023, ma già nelle due settimane senza partite tra la fine del Mondiale e il ritorno della Serie A.

Napoli, come sarà il mercato di gennaio

Il Napoli dovrebbe essere una delle squadre meno “visibili” sul mercato dal momento che, come recita un vecchio adagio, quella di gennaio è una finestra di riparazione e obiettivamente dopo l’eccellente lavoro svolto dalla dirigenza in estate e da Spalletti e dai giocatori tra agosto e novembre da riparare non c’è proprio nulla. Così se in entrata non ci si aspetta che volti nuovi arricchiscano il gruppo del tecnico toscano, a meno che non venga anticipata qualche operazione in ottica futura, ciò che non può essere escluso è che venga ceduto qualche giocatore che ha trovato poco spazio nella prima parte di stagione.

La stagione stregata di Diego Demme

Tra questi, giovani a parte, il più appetito sul mercato internazionale è sicuramente Diego Demme. Il centrocampista italo-tedesco non ha di fatto mai giocato, complice anche l’infortunio subito a luglio, la frattura del cuboide del piede sinistro in uno scontro in allenamento con Anguissa che lo ha tenuto lontano dai campi per un paio di mesi. Neppure dopo essere tornato a disposizione di Spalletti tuttavia l’ex Lipsia è entrato nelle rotazioni dell’allenatore (appena 20 minuti complessivi in tre spezzoni), chiuso nel proprio ruolo dall’intoccabile Stanislav Lobotka. Ecco allora ritornare d’attualità l’interesse del Valencia, che aveva già seguito Demme in estate su richiesta dell’allenatore Rino Gattuso, alle cui dipendenze Demme ha vissuto il miglior momento della propria esperienza napoletana, con un campionato e mezzo da titolare tra gennaio 2020 e giugno 2021.

"Napoli, Demme può partire in prestito"

 

Secondo quanto riportato da 'Cadena Ser' l’ex tecnico del Napoli, oltre ad aver chiesto alla società di ingaggiare il giocatore, avrebbe parlato direttamente con il proprio pupillo per convincerlo ad accettare il trasferimento in Spagna. Dalla società del presidente De Laurentiis potrebbe arrivare l’apertura anche alla cessione in prestito semestrale, che potrebbe essere il preludio di quella a titolo definitivo in estate, quando a Demme mancherà un solo anno per arrivare alla scadenza del legame con il Napoli fissato a giugno 2024.