Nella conferenza di presentazione al fondamentale match di Champions League aperta da Wojciech Szczesny, la parola in casa Juve è passata a Massimiliano Allegri: "Maccabi Haifa avversario ideale in questo momento per risalire la china in Champions League? Questo lo vedremo sul campo. L'importante è che la squadra non abbia fretta e che non tenda a strafare. Bisogna semplicemente dare continuità alla vittoria di Bologna, senza fretta né ansia perché sono quelle componenti che ti portano a sbagliare. Dei tre rientranti valuterò chi fare giocare, certamente non tutti insieme, consapevole del fatto che nel weekend affronteremo il Milan".

Juve, Allegri: "Milik verrà in panchina, sperando di non doverlo utilizzare"

 

Il tecnico della Juventus ha quindi fatto chiarezza su Arkadiusz Milik: "Ha un affaticamento muscolare. Domani verrà in panchina sperando di non doverlo utilizzare". Sull'avversario: "Non credo che lo Yom Kippur influisca sulla loro prestazione: hanno a disposizione una grande squadra, che ha fatto molto bene a Lisbona contro il Benfica e che ha messo in difficoltà il Psg. Bisogna avere molto rispetto dei nostri avversari".

Juve, Allegri: "Modulo e formazione? Non sono aspetti importanti, conta la mentalità"

Quindi, le considerazione sulla formazione da schierare: "Non l'ho ancora decisa e nemmeno il modulo. Che si giochi a 3 o a 4 in difesa non è importante. Conta l'atteggiamento e quello giusto è quello che abbiamo mostrato col Bologna: nonostante le ansie da classifica, la squadra è rimasta concentrata spaccando il match al momento giusto. Non bisogna farsi prendere dal nervosismo, ripeto: nel calcio molte partite vanno fatte scivolare via per poi aprirle al momento giusto".

Juve, Allegri: "Di Maria si sta allenando bene, farà una grande partita. Su Chiesa..."

Su Angel Di Maria: "Sono sicuro che col Maccabi Haifa farà un'ottima partita: ha ripreso ad allenarsi bene e con continuità dopo un'inizio di stagione in cui è stato costretto a farlo con intermittenza". Tornando alla Champions: "Dobbiamo farci largo una partita alla volta e domani siamo chiamati a mettere il primo mattoncino: fare tabelle o pensare al Benfica, se non si vincono le prossime due gare, non serve a nulla". Su Federico Chiesa: "E' stato bello riaverlo ad allenamento, ma nessuna fretta: è importante che, in questa fase di progressivo recupero fisico, tutto vada come deve andare".

Juve, le parole affettuose di Allegri verso Higuain

Quindi, il saluto affettuoso rivolto a Gonzalo Higuain, prossimo al ritiro dal calcio giocato: "Abbiamo passato grandi momenti insieme: quando grandi giocatori come lui decidono di smettere, è sempre dura per gli amanti del calcio in generale. Si dice che i calciatori nascono due volte: ebbene, gli faccio un grande in bocca al lupo per la sua prossima vita, fuori dal terreno di gioco".