"Cristiano Ronaldo, attraverso il proprio procuratore Jorge Mendes, ha esortato il Manchester United a fissare un prezzo sul proprio cartellino perché avrebbe un'offerta reale da un club rivale". A riferirlo è il quotidiano britannico Sun come ultimo capitolo - in ordine cronologico - dell'interminabile telenovela di mercato legata all'asso portoghese ex Juventus e Real Madrid.

"Cristiano Ronaldo esorta il Manchester United a fissare il prezzo"

 

CR7 che, ormai è arcinoto, vuole lasciare i Red Devils - con cui è legato fino al prossimo 30 giugno 2023 - perché non ne vuole sapere di non disputare la Champions League. Competizione che il club mancuniano non concorrerà nella stagione 2022-2023 per effetto del sesto posto dell'annata passata. Il Sun aggiunge: "Ci sono stati fitti colloqui in settimana tra Jorge Mendes e la dirigenza dello United. Che, però, di fatto, non ha ancora ricevuto alcuna offerta e, proprio per questo, non vuole prestarsi a strane manovre di mercato, tantomeno di concedere lo svincolo a CR7, dal momento che permane l'intenzione di fare onorare al portoghese il secondo e ultimo anni di contratto a Old Trafford".

"L'ex Juve Cristiano Ronaldo ha un'offerta di un club rivale dei Red Devils"

Il club rivale, in questo caso, s'ipotizza sia il Chelsea, unico ad aver dimostrato un interesse più o meno concreto per Cristiano Ronaldo. Il quale, nelle ultime ore, è stato nuovamente collegato al club che lo ha visto crescere e lanciato nel grande calcio, lo Sporting Lisbona, già certo di un posto nella fase a gironi della prossima Champions dopo il secondo posto dell'anno scorso nella Liga Portugal alle spalle del Porto.