Non è bastata la buona prova in Coppa Italia con il Milan, chiusa con l'eliminazione nei supplementari. Il Genoa ha deciso di esonerare Andriy Shevchenko. La squadra è stata affidata temporaneamente a Adboulay Konko, tecnico dell'Under 17, che sarà coadiuvato da Roberto Murgita. Il tutto in attesa del nuovo allenatore che a meno di colpi di scena sarà Bruno Labbadia, tedesco di origini italiane.

Tre punti in dieci partite

Arrivato ad inizio novembre al posto di Davie Ballardini, Shevchenko - che con il Genoa ha firmato un contratto fino al giugno 2024 - ha raccolto appena 3 punti in nove gare di campionato, vincendo una sola partita, l'1-0 in Coppa Italia contro la Salernitana. Il ko casalingo contro lo Spezia nell'ultimo turno ha convinto il club a cambiare. Il Genoa è penultimo in classifica con 12 punti, non vince dal 12 settembre (3-2 a Cagliari) e lunedì è atteso dalla delicata trasferta in casa della Fiorentina.

 
 

Sesto cambio in serie A

 

Sale a sei il numero delle panchine saltate in Serie A. I primi sono stati, entrambi dopo la 3/a giornata, Leonardo Semplici del Cagliari ed Eusebio Di Francesco del Verona, sostituiti rispettivamente da Walter Mazzarri e da Igor Tudor. Dopo l'8/a giornata, e un bilancio di una vittoria, un pari, sei sconfitte, la Salernitana ha licenziato Fabrizio Castori, al posto del quale è stato chiamato Stefano Colantuono. Quarto, in ordine di tempo, è stato Davide Ballardini, che ha terminato la quarta esperienza al Genoa dopo la 12/a giornata. Per rimpiazzarlo era stato scelto proprio l'ex Pallone d'Oro, Andriy Shevchenko. Infine, dopo 16 turni di campionato, è toccato a Luca Gotti, che ha lasciato l'Udinese dopo 3 vittorie 7 pareggi e 6 sconfitte. Gabriel Cioffi ha preso il suo posto.

Non è bastata la buona prova in Coppa Italia con il Milan, chiusa con l'eliminazione nei supplementari. Il Genoa ha deciso di esonerare Andriy Shevchenko. La squadra è stata affidata temporaneamente a Adboulay Konko, tecnico dell'Under 17, che sarà coadiuvato da Roberto Murgita. Il tutto in attesa del nuovo allenatore che a meno di colpi di scena sarà Bruno Labbadia, tedesco di origini italiane.