Con il suo fondo d’investimento, Amber Capital Lt, è entrato anche nel mondo del calcio: è un imprenditore francese che ha cominciato la sua storia a Beirut, in Libano, si chiama Joseph Marie Oughourlian, ha 49 anni e paga gli stipendi di tre club. È il proprietario del Lens, che ha cambiato tenore di vita dopo il suo ingresso, ritrovando visibilità in Ligue 1. È l’azionista di riferimento dei Millonarios di Bogotà, in Colombia. E sta provando a riportare in serie B il Padova, impegnato nella finale dei playoff con l’Alessandria (la gara d’andata è finita 0-0). Il pallone è passione e finanza per Oughourlian: un intreccio di partite, emozioni, divertimento e affari. A Lens ha fatto arrivare, nella scorsa estate, Seko Fofana, preso dall’Udinese per quindici milioni. Oughourlian ha riportato il sole a Lens, allo stadio Bollaert-Delelis, chiudendo l’ultimo campionato in settima posizione e sfiorando la qualificazione alla Conference League. Non solo Fofana, ha contribuito a rigenerare anche un giocatore come Kakuta, autore di undici gol, promessa del Chelsea e oggetto misterioso nei sei mesi in prestito alla Lazio, quando sbarcò a Roma alla fine di gennaio del 2014.

 

Doucouré, il pezzo pregiato del Lens

Il Lens ha ricominciato a valorizzare talenti come era capitato in passato con DalmatDacourt e Varane, che ora è uno dei leader del Real Madrid. Allenato da Franck Haise, che utilizza di solito il 3-4-1-2, il Lens sta recuperando credibilità. Il pezzo pregiato è Cheick Doucouré: mediano, ventuno anni, viene tenuto sotto osservazione dal Napoli. È un altro dei nomi entrati nelle strategie di Giuntoli e Spalletti. Gioca davanti alla difesa, tampona e costruisce, garantisce ordine e precisione. Un metro e 80, passo e resistenza da maratoneta. Trentaquattro partite, due gol (all’Olympique Lione e al Montpellier) e un assist nell’ultima Ligue 1 vinta dal Lille davanti al Paris Saint Germain. Ha un contratto fino al 2024. Costa sei milioni, è nato l’8 gennaio del 2000 a Bamako, capitale del Mali. Il Lens lo ha scoperto durante una serie di stage in Africa e lo ha fatto arrivare in Francia nel 2018. Cheick Doucouré giocava nel settore giovanile del Real Bamako. Ora piace al Napoli, al Marsiglia e al Leicester. Il suo viaggio potrebbe continuare presto in un’altra città.