CAGLIARI - Superata a pieni voti la crisi del settimo anno, Joao Pedro si prepara all'ottava stagione di fila con la maglia di un Cagliari che ormai è diventata la sua realtà, del presente e del futuro. In una rosa che ancora è ricca di incertezze, una delle poche sicurezze è proprio il brasiliano. 

Uomo squadra

Assunti i gradi da capitano, l'attaccante è pronto alla sua ottava sinfonia isolana, forte delle ultime due stagioni da applausi. Da oggetto misterioso che in parecchie occasioni ha fatto infuriare i tifosi sardi per la sua poca continuità a elemento insostituibile per tutti i tecnici che negli ultimi campionati si sono avvicendati sulla panchina rossoblù. Il numero dieci brasiliano sembra aver portato a termine il suo lungo processo di maturazione e ora a ventinove anni e nel pieno della sua maturità calcistica, vuole continuare a regalare e regalarsi soddisfazioni nelle fila del Cagliari. Sta scalando le classifiche dei bomber e dei più presenti nella storia del club isolano, ma il suo vero obiettivo è quello di riuscire a regalare ai tifosi un sogno in formato europeo.

Il futuro

 

Per parlare di rinnovo o di chiudere la carriera in Sardegna ci sarà ancora tempo ma intanto JP10 è pronto a rilanciare la sua scommessa. A ridosso dei migliori marcatori del torneo, se avesse avuto maggiore supporto dal resto della squadra, magari la compagine isolana sarebbe arrivata in posizioni ben più importanti. Ma questo sarà, per Joao Pedro, solo uno stimolo in più perché accanto alla voglia di dimostrare che il rendimento delle ultime due stagioni non è stato casuale, ci sarà l'obiettivo di portare il Cagliari nelle posizioni più nobili della classifica.