L'allenatore della Roma Paulo Fonseca ha parlato ai microfoni di Sky Sport e Roma Tv dopo la sconfitta contro la Sampdoria.

 

Fonseca a Sky

La squadra si è arresa?
"Sì è un momento difficile, ma penso che abbiamo fatto un buon primo tempo dopo la sconfitta con il Manchester. Sul finale del tempo abbiamo preso un gol quasi abituale per noi e non abbiamo avuto la forza per reagire nel secondo".

 

 

 

C'è ancora una relazione tra lei e la squadra?
"Dobbiamo capire il momento, è un momento difficile. La sconfitta con il Manchester è segnante per noi, è un momento difficile da superare".

Ci può essere stato l'errore involontario di risolvere la stagione puntando sull'Europa League?
"Fino a marzo stavamo lottando per il campionato e l'Europa League. Non abbiamo mollato troppo presto in campionato, oggi giochiamo qui senza 10 giocatori. A marzo abbiamo avuto problemi a giocatori importanti difficili da sostituire, è stato difficile gestire il mese di marzo con tante partite e tanti problemi".

 

Da cosa derivano questi infortuni? C'è un problema di preparazione, di allenamento?
"Penso che non derivano dall'allenamento perché giocando ogni tre giorni dobbiamo solo recuperare dopo le partite. Il problema è che abbiamo avuto problemi con tanti giocatori e non c'è stato tempo per farli recuperare. A Manchester non abbiamo avuto altra possibilità se non far giocare alcuni di loro, penso che abbiamo avuto molti problemi con pochi giocatori disponibili".

La rosa che ha a disposizione può stare nelle prime quattro? Poteva fare di più?
"Mi ricordo che a Sky a inizio stagione si diceva che la Roma finiva settima. Questo è un segnale. Penso che potevamo fare di più, non abbiamo avuto quasi mai Smalling, non abbiamo avuto Zaniolo. Penso che con tutti i giocatori potevamo fare di più".

 

Fonseca a Roma Tv

Solo un punto nelle ultime 4. Cosa succede?
"Un momento difficile. Dopo la sconfitta col Manchester penso che la squadra nel primo tempo abbia reagito bene facendo una buona partita. Dopo alla fine del primo tempo abbiamo sbagliato di nuovo in una situazione difficile da capire e poi non abbiamo avuto forza di reagire, ma è il momento".

C'è un problema psicologico?
"Ovviamente quando ci sono questi momenti non è facile far capire alla squadra che dobbiamo continuare. Io nel primo tempo ho visto i giocatori che hanno lottato e giocato, ma quando sorge un problema è dura reagire".

 

Il Sassuolo è a due punti, la classifica si fa complicata.
"Dobbiamo continuare a pensare alle nostre prossime partite".

Una Roma così in difficoltà come può affrontare lo United?
"Oggi giochiamo qui senza 10 giocatori. Dobbiamo pensare a recuperare qualche giocatore per averne a disposizione giovedì. Questo è l'importante ora, vedere quali giocatori saranno disponibili".

 

Le assenze hanno influito?
"Ovviamente. Quando hai 10 giocatori importanti per la squadra fuori cambia molto. Non è che i ragazzi nel primo tempo non abbia lottato o cercato di fare bene ma se leviamo i giocatori principali alle altre squadre succede lo stesso di sicuro".

Come mai ha scelto Fuzato?
"Devo dire che ha fatto una buona gara. Ho parlato con Savorani, ora non abbiamo Pau, dobbiamo gestire la situazione dei portieri, Antonio era ritornato da un infortunio e ha giocato a Manchester e dobbiamo gestire questa situazione".

 

La squadra la segue ancora?
"Sì, il primo tempo ha dimostrato che volevano fare una buona partita, non ho dubbi. Ciò che succede è che è un momento difficile in cui dobbiamo continuare a lottare".