Mia Immagine

FROSINONE-ROMA: “DIAMO I NUMERI”

Written by on 24 Febbraio 2019

Seppur autrice dell’ennesima prestazione negativa della stagione, la Roma riesce a trovare, proprio allo scadere, una vittoria pesantissima in chiave qualificazione alla prossima Champions League. Se i giallorossi continuano a sperare fortemente nell’obiettivo minimo (il quarto posto) devono ringraziare il ritrovato Edin Dzeko.

 

Risveglio – E’ stato proprio il bomber di Sarajevo a trascinare la sua squadra in una gara che si era dannatamente complicata. Con la doppietta dello Stirpe, l’ex City, nel 2019, ha realizzato 5 gol in 6 gare, con una media di una rete segnata ogni 108 minuti giocati. I numeri confermano il risveglio del n°9 giallorosso, sempre più imprescindibile nella lotta a distanza contro Milan ed Inter.

 

Porta aperta – Paradossalmente, le buone notizie provenienti da Frosinone si esauriscono qui. Infatti, la trasferta in terra ciociara ha fatto nuovamente affiorare gli evidenti limiti di una squadra che traballa al primo soffio di vento: nel 2019, la difesa giallorossa ha saputo chiudere la propria porta solamente col Chievo (3-0), lasciando a tutte le altre avversarie affrontate almeno un gol. Inoltre, i canarini, fino alla partita di ieri, avevano segnato più di una rete tra le mura amiche soltanto in un’occasione, all’Empoli che all’epoca era guidato da Andreazzoli.

 

1-0 per gli altri – Un ulteriore dato, che fa comprendere le difficoltà che la Roma sta incontrando in questa stagione, è legato agli svantaggi iniziali: in 25 partite dell’attuale torneo, ieri per la decima volta i giallorossi hanno concesso lo 0-1 agli avversari. Una statistica preoccupante se raffrontata alle rimonte completate (soltanto 2, con quella dello Stirpe).