Mia Immagine

ESCLUSIVA TELERADIOSTEREO – FERNANDO GOMES (RESP.SCOUTING PORTO): “CI MANCA IL GOL, MA ABBIAMO BUONE POSSIBILITA’ DI PASSARE IL TURNO. MONCHI? ABBIAMO FILOSOFIE SIMILI, MA LA ROMA HA MAGGIORI DISPONIBILITA’ ECONOMICHE”

Written by on 11 Febbraio 2019

Intervenuto durante il palinsesto mattutino di Teleradiostereo, Fernando Gomes, miglior marcatore di tutti i tempi del Porto e responsabile scouting del club lusitano, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni

 

Ha segnato 288 gol col Porto, ha vinto due volte la Scarpa d’Oro, ha alzato una Coppa dei Campioni con questa maglia: possiamo dire che lei è il Totti del Porto?

Ho fatti altri gol anche con lo Sporting Lisbona, ci tengo a ricordarlo (risata, ndr). La storia dice che sono il miglior marcatore di tutti i tempi del Porto, sono un po’ il Totti di questo club come dite voi.

 

Come sta il Porto?

E’ in un buon momento di forma, ma ci manca il gol, ci mancano due attaccanti forti. Dobbiamo ritrovare il gol, ma sono sicuro che domani torneremo a segnare. Mancheranno Corona e Marega, ma la nostra forza è il collettivo. La Roma è una squadra difficile da affrontare, sarà un match equilibrato, ma credo che il Porto abbia buone possibilità di vincere.

 

L’esperienza europea può aiutarvi?

Il Porto ha grande esperienza internazionale, è vero, ma la squadra deve dimostrarlo sul campo, deve far vedere che è una squadra forte.

 

Qual è il giocatore più rappresentativo, in questo momento, del Porto?

Può essere Herrera, o Militao o Brahimi, o Casillas o Felipe. Come dicevo prima, la forza del Porto è il collettivo.

 

Il Porto è molto aggressivo, ha un gioco molto veloce.

E’ vero, il Porto ha queste caratteristiche, ma la maggior virtù di questa squadra è che tutti i giocatori in campo danno il massimo. Inoltre la nostra formazione ha grandi giocatori, molto forti tecnicamente.

 

Ci può presentare Eder Militao, una sua scoperta?

Lo conoscevamo da quasi due anni, vedevamo le sue partite nelle giovanili e poteva già giocare nella formazione B del Porto all’epoca. E’ un giocatore rapido, bravo nella marcatura, forte nei duelli aerei, ha grande maturità, è un difensore forte. La sua acquisizione è stata un’operazione concordata tra me, il Presidente e il mister.

 

La filosofia del Porto è diversa rispetto a quella di Monchi?

Il Porto è un club che lavora molto cosi, siamo molto simili con Monchi, ma non abbiamo le potenzialità economiche della Roma.

 

Qual è il giocatore che toglieresti alla Roma?

Dzeko è l’elemento più esperto della Roma, ma mi parlano molto bene di Zaniolo. Sicuramente sarà pericoloso anche El Shaarawy, i giallorossi hanno tanti elementi da tenere in considerazione.

 

Quale sarà il futuro di Herrera?

Noi tra poco lo sapremo. E’ solo una questione di Herrera che a breve terminerà il proprio contratto.

 

Ti senti di fare un pronostico?

Non mi piace molto espormi, però ho fiducia che il Porto nel doppio turno possa farcela.