Mia Immagine

CSKA Mosca-Roma – Conferenza stampa, Di Francesco: “Kluivert può giocare dal 1”. Dzeko: “Segno più in Champions? Devo migliorare anche io, ho sbagliato qualche occasione di troppo”

Written by on 6 novembre 2018

Alla vigilia del primo match del girone di ritorno di Champions League (domani alle 18.55) contro il CSKA Mister Eusebio Di Francesco si è presentato in conferenza stampa insieme a Edin Dzeko alle ore 13 (15 in Russia). Queste le parole del mister e dell’attaccante bosniaco:

Dzeko Di Francesco conferenza stampa

Per Dzeko: può darsi che in Europa trovate degli spazi che in Italia non trovate?
“E’ difficile da spiegare perché in Champions abbiamo fatto molto bene, solo a Madrid non abbiamo fatto la nostra partita ma in generale siamo sempre presenti. Non lo so, forse perché in Champions ci sono poche partite e in ogni gara devi andare con tutta la forza. Forse ogni tanto si pensa che in Serie A, contro Bologna, Chievo e Spal, pensiamo si possa vincere facile ma sappiamo che non è facile vincere in Serie A e devi dare il 100% per vincere le partite”

Per Di Francesco: è più ipotizzabile una formazione con Florenzi alto ad esempio o aggressiva con una fascia destra più offensiva?
“Non è quello che fa la differenza nel fare una partita più aggressiva o meno. Ritengo che si possa optare per qualsiasi cosa ma non deve cambiare la mentalità, non controllare le partite ma impattare bene sulla gara. Come identità e idea non dobbiamo perdere il desiderio di far male agli avversari”

Per Dzeko: senti le stesse sensazioni dello scorso anno nella Champions League?
“Dopo lo scorso anno abbiamo visto tutti quanto è bello giocare in Champions, arrivare in semifinale lo è ancora di più. Vincere la partita di domani significherebbe passare il turno e anche per questo è una partita più importante. Si aspetta 12 mesi per la Champions e poi arriva, non dico che arriveremo in semifinale ma vogliamo fare il meglio possibile”

Per Di Francesco: qual è il suo stato d’animo dopo Firenze?
“Le immagini credo che parlino chiaro, abbiamo preso un rigore che non c’era. Dove dobbiamo migliorare è di non fermarsi agli episodi, abbiamo aspettato troppo per ricominciare a giocare. La squadra sembrava in dominio della gara invece di andare a pareggiarla e poi di cercare di vincere. Era successo già con la Spal di non reagire nel modo giusto, per diventare grandi e crescere dobbiamo anche migliorare negli atteggiamenti e pensare a giocare, non fermarci a protestare”

Per Di Francesco: psicologicamente come sta questa squadra?
“In campionato abbiamo 27 partite da giocare ma dobbiamo dimostrare anche domani che in Champions stiamo facendo un altro cammino. Si vede la crescita dal punto di vista fisico e nel sistema di gioco, quello che dobbiamo migliorare è la continuità. Se ci uniamo i nostri mezzi sono importanti”

Per Dzeko: a volte sembri avvertire il peso di dover trascinare questa squadra. E’ un peso o una responsabilità?
Tutte e due, gol li devo fare, sono il primo responsabile. Ultimamente segno più in Champions che in Serie A e devo migliorare anche io perché ho sbagliato qualche occasione di troppo. Non guardo indietro e penso solo a migliorare partita dopo partita”

Per Di Francesco: le parole di Paulo Sousa le hanno dato fastidio? 
“Sinceramente non mi interessano, non le ho neanche sentite, ho altre cose a cui pensare molto più importanti. Sta a voi dire se è indelicato o meno visto che siete così bravi a leggere nel pensiero degli altri e magari anche nel mio”

Per Dzeko: cosa serve a Schick per il definitivo salto di qualità?
“Mi ricordo il mio primo anno anche se Patrik è più giovane, abbiamo visto tutti che è capace a far gol e giocare bene. Deve iniziare da se stesso e dare sempre di più sia in allenamento che in partita, non ha avuto anche fortuna, ad esempio col Frosinone poteva fare gol. Con un gol può cambiare tanto”

Per Di Francesco: cos’è cambiato nelle valutazioni su Pellegrini e Cristante nelle scelte del modulo?
“Facevamo fatica nelle pressioni e ad avvicinare Edin, abbiamo migliorato determinati meccanismi, lo stanno facendo bene come a Firenze dove uscivamo bene dalle pressioni della Fiorentina giocando tra mediano e trequartista e così posso avvicinare un giocatore ad Edin a cui piace svariare in certi momenti della partita”

Per Dzeko: a forza di sentirti dire che eri poco cattivo, ora sembri più nervoso anche nel rapporto coi compagni.
“Sono ancora buono, non ti preoccupare. E’ difficile cambiare così velocemente, avere cattiveria in campo è una cosa diversa. Nessuno pensa forse che non mi fa piacere perdere e anche per questo sono più nervoso. Non è l’inizio di campionato che volevamo ma non mi piace mai perdere e ogni tanto come mi dice il mister quando perdo la testa perdo 5-10 minuti ma mi fa bene perché poi ho un’altra forza”

Per Dzeko: è la tua 4a partita contro il CSKA, com’è cambiata la squadra russa dalle sfide col Manchester?
“E’ la sestami sembra perché ci ho giocato anche col Wolfsburg, penso che ho perso solo una volta ed era in questo stadio. Il CSKA è cambiato molto, l’unico rimasto penso sia il portiere, è una squadra molto giovane che sa vincere le grandi partite come abbiamo visto contro il Real Madrid e dovremo dare il nostro meglio per prendere un risultato positivo”

Per Di Francesco: cambierà qualcosa in attacco? Considerando che ci sarà Akinfeev…
“Sicuramente cambierà qualcosa perché sa giocare bene sia con le mani che con i piedi ma non cambio gli attaccanti perché cambia il portiere”

Per Di Francesco: a parte le insidie climatiche, quali sono le altre che vedi?
“Siamo arrivati un giorno prima proprio per questo, per adattarci al clima. Loro sono molto bravi coi due trequartisti e con l’attaccante ad allungare la squadra, sono molto pericolosi e l’hanno dimostrato col Real. Sarà determinante impattare bene ad inizio gara, ci dobbiamo aspettare le loro pressioni visto che ci sarà un gran pubblico”

Per Di Francesco: per dei giovani come Kluivert può essere la serata giusta?
“Non ho avuto paura a buttar dentro i giovani, Kluivert è uno di quelli e non vi dovrete meravigliare se partirà dall’inizio”

Per Di Francesco: ci si abitua a questi alti e bassi nella vostra professione?
“Sarebbe sempre meglio vivere negli alti ma per farlo bisogna credere in quello che si fa e convincere la squadra a farlo. Edin prima ha parlato di Schick che un gol può cambiare la sua storia, perché lui lo sa bene e questo vale anche per noi: una vittoria può farci riprendere fiducia. Sul mio lavoro sono sereno e il mio pensiero è preparare al meglio la sfida di domani”